CinefiLife – Cosa aspettarci da Lightyear

Manca ormai poco all’uscita di Lightyear nelle sale, il nuovo film Pixar che vedrà il ritorno di uno tra i più amati personaggi della saga di Toy Story in un’avventura del tutto inedita. Tuttavia nonostante i trailer facciano intendere possa essere una sorta di origin story per Buzz, l’estetica e la direzione della storia sono così marcatamente diverse che il confronto con la sua controparte di Toy Story potrebbe non essere nemmeno possibile.

Cosa aspettarci dunque da Lightyear? Di questo parleremo oggi nella rubrica CinefiLife di Radioeco.

Paragrafi che troverai nell’articolo:

  1. Dov’è finito il poliziotto spaziale?
  2. Buzz Lightyear da Comando Stellare. O forse no?
  3. Vedremo Zurg?
  4. Le differenze non sono importanti

Dov’è finito il poliziotto spaziale?

Certo, la differenza più lampante è il fatto che nella saga principale il personaggio non è reale ma è una bambola di plastica, si può comunque pensare che il film in uscita il 15 giugno possa essere quello che, nel mondo di Toy Story, ha poi ispirato la costruzione del giocattolo.

Tuttavia, anche se teniamo conto di questa teoria, non mancano altre complicazioni: Nei film di Toy Story, Buzz Lightyear dal comando stellare è ritratto come una sorta di “poliziotto spaziale” che assicura alla giustizia tutti i tipi di criminali interplanetari ed è probabilmente il migliore nel suo mestiere. È quindi una sorta di RoboCop stellare per intenderci (ma sicuramente meno tamarro del film di Paul Verhoeven),

Nel secondo trailer di Lightyear, invece, vediamo un Buzz precipitare su un pianeta sconosciuto, da solo e dopo aver perso tracce dei suoi compagni astronauti, a causa di un errore che, con tutta probabilità, egli stesso ha commesso. Da li il trailer mostra le sue vibes alla Interstellar, mostrandoci come l’errore di Buzz non lo abbia solo fatto precipitare su un pianeta sconosciuto, ma addirittura nel futuro. Di sicuro non è per niente male come spunto iniziale, ma è molto diverso dall’idea che abbiamo del poliziotto spaziale di Toy Story.

Buzz Lightyear da Comando Stellare. O forse no?

Un’altra cosa mostrata, o più precisamente che non è stata mostrata, nei trailer di Lightyear, è l’apparentemente completa assenza del “Comando stellare”, l’omonima organizzazione per la quale Buzz Lightyear dovrebbe lavorare.

Anche se Buzz potrebbe non essere un poliziotto spaziale in Lightyear, le parole “comando” e “stellare” non sono mai usate nella stessa frase, tanto meno una dopo l’altra. Le battute pronunciate da Buzz nel secondo trailer sembrano anche implicare che sia lui che i suoi colleghi siano alla loro prima incursione (probabilmente anche dell’umanità) nello spazio.

Se tutto questo è il nuovo status quo e non c’è alcun comando stellare da vedere, allora possiamo elaborare due possibilità: la prima è che, a seguito delle azioni intraprese in Lightyear, viene fondato il comando stellare e Buzz Lightyear viene trasformato in un poliziotto spaziale. Mentre la seconda vede il comando stellare non formarsi mai e Lightyear non avere nulla a che fare con la saga di Toy Story né tanto meno con il Buzz che abbiamo conosciuto grazie ad essa.

Vedremo Zurg?

I fan di Toy Story e soprattutto di Buzz Lightyear non possono non associare a questo personaggio anche il malvagio imperatore Zurg, nonché la sequenza di Toy Story 2 che vedeva questi due personaggi coinvolti in una divertente parodia della scena più iconica di Star Wars (Si, esatto, «Luke, sono tuo padre»).

Il tutto difficilmente potrebbe amalgamarsi alle atmosfere seriose (ma non del tutto) di Lightyear. Sorge dunque spontaneo domandarsi se vedremo Zurg nel film.

I trailer di Lightyear hanno saggiamente mostrato il meno possibile di Zurg, sempre ammesso che lo abbiano mostrato. Nel futuro visto nei trailer ci sono robot con le fattezze di Zurg, ma se dietro a tutto ciò ci sia o meno quest’ultimo, è ancora tutto da dimostrare.

Una possibile spiegazione può essere legata al fatto che la Pixar sa che i cattivi sono meno intimidatori quanto più li si vede (come ci insegna lo Squalo). E proprio per questo stanno, magari, cercando di mostrare il meno possibile di questo personaggio nei trailer, se non altro per rendere la sua eventuale rivelazione nel film molto più sbalorditiva. Questo, ovviamente, supponendo che Zurg sia nel film o in una forma che i fan riconosceranno.

In ogni caso, è improbabile che la Pixar realizzi un film di Buzz Lightyear senza Zurg, considerando che è l’unico vero cattivo che Buzz ha. Anche se, data la nuova direzione della storia, non è detto che possa rivelarsi come il padre dello stesso Buzz.

Certo, anche se Zurg non è il cattivo di Lightyear di per sé, la sua presenza potrebbe essere utilizzata come una sorta di cameo alla fine per anticipare un possibile sequel, anche se, personalmente, preferirei molto di più lo sviluppo di una storia autoconclusiva, come da abitudine della Pixar.

Le differenze non sono importanti

Che possa o meno essere legato al franchise di Toy Story, il materiale fin’ora rilasciato è mozzafiato. Sono bastati i primi due secondi del primo trailer sulle note di Star Man di David Bowie a farmi venire la pelle d’oca, ma sono le atmosfere ultra fantascientifiche alla vecchia maniera (con vibes da Interstellar, Star Trek e 2001 Odissea Nello Spazio) che mi hanno convinto del tutto, lasciando intendere che, ancora una volta, Pixar manterrà quel sotto testo adulto che rende la visione dei suoi film universale.

Perciò, che possano esserci differenze con il Buzz Lightyear poliziotto spaziale, poco cambia, l’importante è il prodotto in sé, che speriamo possa raggiungere gli stessi livelli di qualità con i quali ci è stato presentato.

Per il resto continua così Pixar, verso l’infinito e oltre!


Nato nel 1999 e circondato dal mare, prima dell’isola d’Elba e poi della Sardegna, Tommaso dalle poltrone della sala, approda finalmente a quella davanti alla tastiera, per scrivere di ciò di cui ha sempre amato parlare: il cinema, in tutte le sue forme. Studente di filosofia e da poco in Radioeco, puoi trovarlo su Instagram come @tomcorsetti_

Leave a Reply

Your email address will not be published.