“Dente”: il nuovo album dell’omonimo cantautore emiliano

Giuseppe Peveri, in arte Dente, dopo un lungo ciclo di musica intimista durato dieci anni e terminato con “Canzoni per metà“, decide di raccontarsi in un nuovo album, sperimentando sonorità molto più colorite e lontane dagli echi della sua sola, vecchia cara chitarra acustica.

Dente, nel giorno del suo 44esimo compleanno, il 28 febbraio il miglior regalo lo ha fatto proprio a noi. Un nuovo album, undici nuove tracce per entrare, dopo quattro anni di attesa, nel suo particolare pop di racconti, riflessioni e, questa volta, di sguardi al futuro.

L’album si apre con “Anche se non voglio“, primo singolo ad anticipare l’album, e contraddistingue già la nota profondamente autobiografica e introspettiva scelta dal cantautore per l’intero percorso, coronata da un senso di accettazione di quel che si è, fragilità comprese, proprio nel ritornello del singolo:

“Sono io quando mi sbaglio
quando rido, quando piango
quando mi sveglio, quando mi spoglio.
Sono io anche se non voglio”

Come anticipato in un’intervista a SkyTg24, l’obiettivo del cantautore non è tagliare di netto i ponti col suo passato, quanto mettersi a nudo egli stesso per riscoprirsi e reinventarsi in ciò che non funzionava più.

“A volte mi sono sentito inadeguato. Mi dicevo che io non cambio mai e vedevo il mondo che cambiava: non riuscivo a sentirmi al passo, ero sempre un po’ indietro. Io non so dove sono. Ho attraversato momenti in cui non mi sono sentito allineato con gli altri, con i luoghi e col mio tempo. Anche in gioventù. In alcuni momenti non ero col resto del mondo e ne ho sofferto. La differenza è che da giovani fa figo essere diversi, quando cresci si fa ingombrante.”

Fonte foto: https://www.facebook.com/denteofficial

Ed è così che anche in “Adieu“, secondo singolo nonchè seconda traccia dell’album, come in “Paura di niente“, è forte il sentimento di mettersi in gioco, di cambiare senza dimenticare sè stessi ma semplicemente andando incontro a quello che è il futuro, a testa alta e senza paura:

“Adesso che il vento è veloce
alzo la testa, sento la mia voce
[…]
Salto sul treno, faccio una follia,
ci metto la mia vita e dopo volo via”

Sulla stessa scia di interrogazione con sè stesso, in “Tra 100 anni” e “Trasparente” a far da protagonista è l’incertezza del futuro; se da una parte ci si chiede “tra 100 cosa farò?” dall’altra rafforza la consapevolezza di una mancanza perentoria nella vita degli uomini a cui spesso non si riesce a dare risposta: “c’è una cosa che mi manca e una che non so / che cosa sono stato, cosa sarò“.

Immancabile il tema dell’amore, raccontato e vissute nelle maniere più disparate: dal non confessato “Non te lo dico” (scrivo una canzone ma non te lo dico / uso parole che non ti dico / ti amo ma non te lo dico) a quello giovane del passato con “La mia vita precedente“, che come da titolo ripercorre gli echi di gioventù arrivando ad una conclusione dura, e a tratti amara:

“Eri tutta la mia vita, ero tutta la tua vita.

I legami cambiano gli accenti, diventano pesanti

slegami, lasciami andare via.”

Il tutto fino ad arrivare ad un amore ormai maturo e quotidiano, presente in “L’ago della bussola“, in cui l’idealizzazione della compagna di vita porta a dipingere Dente stesso come l’unico difetto dell’amata.

Prodotto da Matteo Cantaluppi, già noto per la collaborazione con i Fast Animals and Slow Kids per l’album “Animali Notturni“, Francesco Torricella, producer di ENNE, e arrangiato oltre che dallo stesso Dente anche dal musicista Simone Chiarolini, l’album si caratterizza immediatamente per la mancanza della chitarra acustica, filo conduttore degli album precedenti, e la presenza di sonorità colorite, arricchite dall’utilizzo di strumentazioni digitali, da un intenso utilizzo del pianoforte e la comparsa dei suoni più cristallini e duri della chitarra elettrica, il tutto senza mai mancare d’identità al vecchio Dente cui tutti siamo abituati.

TRACKLIST

01. Anche se non voglio (03:43)

02. Adieu (03:21)

03. Tra 100 anni (03:44)

04. Cose dell’altro mondo (03:33)

05. Sarà la musica (02:58)

06. Trasparente (03:26)

07. L’ago della bussola (03:22)

08. Non te lo dico (02:59)

09. Paura di niente (03:46)

10. La mia vita precedente (03:29)

11. Non cambio mai (03:32)

In attesa del tour, le cui date e biglietti sono disponibili su Ticketone, il cantautore ha ben deciso di preparare una playlist con i brani e gli artisti che più gli hanno fatto compagnia durante la stesura del disco, disponibile qui: In attesa del concerto.

Buon ascolto!

Autore: Federica Viola

Fuorisede classe ’99, studia Scienze Politiche presso l’Università di Pisa.

Fa parte di RadioEco dal 2019.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *