Eravamo 4 Amici al VAR, di radioeco.it 1×08 “#StopAdani”

Bentornati all’ascolto del podcast calcistico di RadioEco!

In questa ottava puntata, “#StopAdani”, abbiamo commentato le sorprendenti partite di campionato, dalla possibile crisi della Roma alla vittoria in rimonta nel derby dell’Inter.

Roma è una città in cui le tifoserie sono molto divise. Quest’anno anche le squadre romane hanno diverse ambizioni: la Roma sembra essere entrata nella solita crisi di febbraio e destinata ormai all’Europa League. La Lazio viaggia a ritmi altissimi e tocca vette elevate. L’ambizione scudetto è reale, con Juve e Inter che sono ad un punto di distanza.

Il Verona frena la Juventus meritatamente. I ragazzi di Juric danno l’anima in campo e riescono a vincere in rimonta grazie ai gol di Borini e Pazzini. Sui social i tifosi della Juventus non sono per niente soddisfatti del lavoro di Sarri e chiedono un clamoroso ritorno di Max Allegri.

Nei due derby di Milano (n.d.r.) l’Inter riesce a vincere sul Milan e aggancia la Juventus in testa alla classifica. Il Milan domina nel primo tempo, 2-0 gol di Rebic e Ibra, e si illude. Nel secondo tempo i nerazzurri compiono una pazzesca rimonta grazie ai gol di Brozovic, Vecino, De Vrij e Lukaku. Delirio nerazzurro: Adani impazzisce ancora per Vecino e Lukaku dissa tutti sui social. “There’s a new king in town”.

View this post on Instagram

there’s a new king in town

A post shared by Romelu Lukaku (@romelulukaku) on

A proposito di Adani: Eravamo 4 Amici al VAR lancia l’hashtag #StopAdani per dire basta al commento mai imparziale di Lele Adani. Va bene il tuo amore verso il calcio uruguagio, ma Walter non può più sentirti commentare i derby.

Le unpopular opinion, ovviamente, non possono mancare:

  • Sarri ha dimostrato di non essere un allenatore di alto livello?
  • Può il Verona puntare all’europa?

Volete sapere cosa ne pensiamo? Ascoltate la puntata e lo saprete! Vi ricordiamo di seguirci sia su Instagram che su Spotify.

https://it.wikipedia.org/wiki/Daniele_Adani

Programma di: Pasquale Gorrasi, Matteo Bertolini, Walter Giovanni Grillo

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *