Genio in Compresse di radioeco 2×01, Coco Chanel

Choco Chanel: non solo mente geniale della moda ma anche prostituta, collaborazionista, latitante e genio protagonista della puntata di oggi!


Coco Chanel pseudonimo di Gabrielle Bonheur Chanel, a dispetto di quanto abbia per anni raccontato ai biografi di tutto il mondo, è nata in un ospizio nell’agosto del 1883, ha vissuto in povertà, è diventata orfana di madre a 12 anni ed è stata abbandonata dal padre a 13. Con un’infanzia del genere si potrebbe pensare che il resto sia stato tutto in discesa. Peccato che sia stata una discesa ghiacciata, su pavimento di sampietrini, che si è costretti ad attraversare con un tacco a spillo 12 e il tailleur, quello ideato dalla stessa Chanel. Insomma, tutt’altro che una passeggiata di salute.

Poco più che ventenne, Chanel viene promessa in sposa contro la sua volontà ed è costretta a ricamare il proprio corredo matrimoniale. Scoccherà l’amore, ma per il cucito non per il presunto futuro marito.

La giovane Chanel scappa per sfuggire alle nozze, dimostrando fin da subito la volontà di autodeterminarsi e di sfuggire al ruolo della donna imposto dalla società, di nuovo povera e sola cerca di sopravvivere ingegnandosi in ogni modo possibile. Il soprannome Coco, infatti, sembra derivare dalla breve carriera di Chanel come cantante presso i caffè-concerto, dove il brano Qui qu’a vu Coco? rappresenta il cavallo di battaglia della futura sovrana della moda. Oltre al soprannome, conquista anche una pessima reputazione che, anni dopo, non le permetterà di coronare il suo sogno di diventare aristocratica.

Il limite imposto da un passato difficile le darà la motivazione per creare un proprio impero di cui essere unica sovrana e unica aristocratica: l’impero della moda Chanel. Come si fa a passare da una vita di merda a una vita di moda? Non vi resta che scoprirlo ascoltando la puntata di Genio In compresse!

Playlist

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *